Ogni anno da 8.000 a 10.000 bambini sono vittime di una mina. Molti di loro muoiono, molti altri porteranno per sempre il ricordo di quel giorno
...Molti bambini non riescono a raggiungere gli ospedali - non sopravvivono in genere all'impatto con l'esplosione delle mine. Alcuni vengono immediatamente uccisi o muoiono dopo una terribile agonia. Molti non sopravvivono al dissanguamento che le ferite da mine provocano...

Nonostante i loro devastanti effetti sulla popolazione civile, effetti che purtroppo si propagano nel tempo ben oltre il termine della guerra (la vita media di una mina è attorno ai 50 anni), questi ordigni continuano ad essere utilizzati tutt'ora in molti paesi del mondo, soprattutto in virtù della loro economicità.

Hanno forme particolari, colori accattivanti. Alcune somigliano a dei minuscoli pappagalli verdi, altre a giochi che non si trovano facilmente nei negozi, nei bazar. Agli occhi dei bambini, che le trovano nelle strade impolverate delle loro città sventrate, si presentano come balocchi con cui passare il tempo, con cui dimenticare le sofferenze dell'orfano di guerra. Se le raccogli da terra, però, quei balocchi possono "giocarti" uno sgradevole scherzo. I più fortunati rimangono senza gambe, senza braccia, senza speranza per il futuro che li obbligherà a vivere come malformati accattoni.

 

  • Valmara 59 e 69
  • PFM-1
image

Valmara 59 e 69

La mina rientra tra quelle a frammentazione e tra quelle cosiddette “volanti”: facendo vibrare un filo collegato a uno degli spuntoni del detonatore, si attiva la carica esplosiva.

La detonazione avviene in due fasi: una prima carica solleva a circa un metro da terra un cilindro contenente almeno 2000 frammenti metallici, una seconda carica causa poi la vera esplosione, che irradia le schegge a 360° nella zona circostante.

image

PFM-1

Chiamata anche "mina farfalla" o "pappagallo verde", presenta alette sporgenti che le permettono di planare dolcemente al suolo dopo essere stata lanciata da un elicottero in volo radente.

Si tratta di una mina ancora più "diabolica" delle altre perché sembra appositamente progettata per colpire i bambini: invece di mimetizzarsi con il terreno, infatti, il suo colore e la sua forma particolare la rendono ben visibile e soprattutto capace di attirare l'attenzione dei più piccoli.